Scandalo in Premier League

In queste ore sta tenendo banco una notizia che sta facendo parecchio clamore nel mondo del calcio ma non solo. Il The Sun, testata giornalistica inglese di spicco, ha pubblicato un video risalente all’agosto scorso, in cui si mostrano alcuni tra i più importanti giocatori dell’Arsenal (squadra calcistica di Premier League), banchettare ad un festino con alcool e hippy crack.

Nel video, girato qualche giorno prima dell’inizio della Premier League nel Tape Club a Londra e alla presenza di una settantina di ragazze, si vedono i calciatori provare quella che viene chiamata “la droga di chi non si droga”. Non è infatti una vera sostanza stupefacente che lascia tracce nel sangue ma il gas esilarante (o ossido di azoto) usate anche come calmante per le anestesie: in Inghilterra il possesso non è illegale  ma è vietata la vendita ai minori di 18 anni se c’è il rischio che lo inalino.

Il vero problema è la combinazione tra l’inalazione di questo gas e gli alcolici (al party erano presenti anche vodka, scotch, champagne…): entrambi sono vasocostrittori e un’esposizione prolungata può provocare ipertensione o infarti.

Ma cos’è l’Hippy Crack?

Come già accennato in precedenza l’hippy crack bisogna chiarire che non è riconosciuta come sostanza dopante o illegale. Quindi non è stato commesso nessun reato, ma è certamente una sostanza che può creare reali problematiche alla salute.

Hippy Crack è il termine usato per l’eccesso di ossido di azoto, o gas esilarante. Di solito viene somministrato prendendo le piccole capsule di metallo usate nei vecchi contenitori di crema e perforando la parte superiore con un “cracker” e prendendo tutto il gas per riempire un grande palloncino. Il pallone a gas viene quindi inalato e tenuto in alto. L’effetto di stordimento dura solo per un minuto o meno, ma crea una pericolosa sensazione di assuefazione, che porta spesso a fare delle ulteriori inalazioni. Di qui l’associazione con Crack.