I dati ufficiali parlano di più di 3 milioni di italiani affetti da problemi di asma. Questa tipologia di malattia è caratterizzata dall’infiammazione cronica dei bronchi dalla quale, una guarigione definitiva non è ad oggi possibile, ma grazie ad una terapia corretta e abitudini di vita adeguate se ne possono controllare i sintomi. Meno del 30% dei pazienti però, segue la terapia farmacologica, mentre il 56% usa i farmaci solo quando ha un attacco acuto. Il 12% non segue nessuna terapia specifica. Da diverse ricerche si è evinto che un quarto dei pazienti con asma  sottostima la reale gravità del problema che spesso porta ad un aggravamento della condizione, per negligenza o scarsa conoscenza. Spiega Giorgio Walter Canonica, responsabile del Centro di Medicina Personalizzata Asma e Allergie di Humanitas (Milano) e docente di Humanitas University. «In alcuni casi la non aderenza alla terapia è intenzionale, in altri è legata a inconsapevolezza: alcuni pazienti non conoscono la malattia e non sanno cosa rischiano se non si curano, l’educazione del paziente è molto importante, così come insegnare il corretto utilizzo degli inalatori bronchiali. Molti malati sono convinti di seguire la procedura corretta, ma non è così».

Come capire se ho l’asma?

Per diagnosticare l’asma vengono effettuati alcuni esami del respiro, che permettono allo specialista di capire il grado di infiammazione dei polmoni. Si tratta di esami non invasivi e non dolorosi: la spirometria (calcola la quantità di aria che entra e esce), la reattività bronchiale e l’ossido nitrico nell’espirato. Vengono poi fatti alcuni test per eventuali allergie: i prick test (ponendo gocce di allergeni sulle braccia); le Ige totali e specifiche per i singoli allergeni; l’allergologia molecolare (indagine su 300 proteine che danno allergia), alla ricerca delle cellule responsabili dell’infiammazione nei vari organi dell’apparato respiratorio e nel sangue. Nei bambini i segnali da osservare per un possibile esordio precoce dell’asma sono: la dermatite atopica in età perineonatale, eventuali allergie alimentari, rinite e successiva asma (che può comparire a qualunque età), ma anche il naso chiuso per tutto l’inverno o la rinite che si presenta in modo ripetitivo (nello stesso periodo dell’anno o nelle stesse situazioni, per esempio una stanza polverosa). Inoltre se un bambino ha uno o entrambi i genitori allergici ha una predisposizione genetica: in presenza di sintomi (tosse persistente, naso che cola, frequenti bronchiti, occhi che bruciano) è necessaria una visita specialistica.

Come posso avere maggiori informazioni?

Nel riconoscere il fondamentale ruolo nel web dell’informazione sanitaria in un’ottica di prevenzione dei fattori di rischio per la salute, la Campagna Medico Educazionale Nazionale ASTHMA TRAINING & TEENS lancia un nuovo portale per ampliare nella rete la conoscenza dell’asma, come riconoscerla ed affrontarla. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità 150 milioni di persone ne soffrono e le morti associate a questa malattia sono circa 180 mila ogni anno incidendo più dell’HIV abbinata alla TBC. Grazie al portale chiunque (giovani, genitori, insegnanti, sportivi, ecc) potrà approfondire questa patologia, ricercare i centri ospedalieri pubblici specializzati nella propria regione oppure contattare un medico docente volontario impegnato nell’iniziativa. Il progetto medico giunto alla II° edizione è motivato dalla crescita delle premature scomparse di giovani asmatici in molte regioni italiane.  Il Team di medici specialisti aderenti cresce ogni anno interagendo con i dirigenti scolastici ed assieme organizzano lezioni sull’asma bronchiale animando il portale web AT&T dove sono pubblicati nella prima pagina tutti i commenti dei dirigenti scolastici, degli insegnanti e medici che hanno sperimentato questa campagna. L’iniziativa senza scopo di lucro premia anche le Scuole italiane che si sono distinte per l’alto numero di studenti partecipanti allo screening medico al termine di ogni lezione. ASTHMA TRAINING & TEENS è patrocinata da SIAAIC, FEDERASMA e sostenuta oggi da Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite, Novartis Farma, GSK GlaxoSmithKline Industrie Farmaceutiche, Alk-Abellò S.p.A., Thermo Fisher Scientific, AstraZeneca, Stallergenes Italia, Teva Pharmaceuticals Industries Ltd Italia, Lofarma. In poco tempo l’iniziativa ha conquistato l’attenzione di tantissime scuole divenendo uno strumento di utilità sanitaria pubblica fondamentale per divulgare le terapie avanzate. Questo progetto ha evidenziato fin da subito che in Italia questo problema è sottostimato ed il numero reale di giovanissimi inconsapevoli di essere asmatici potrebbe essere il doppio rispetto a quello indicato dalle stime attuali.

 

Per consultare il portale https://campagnasanitaria.wixsite.com/asthmatrainingteens

 

Fonti: Corriere Salute

Amaro, dolce, aspro, salato e…umami. Molti di noi a scuola, studiando i gusti percepibili dalle nostre papille gustative, avranno imparato a conoscere i primi 4, ma molto difficilmente le maestre avranno introdotto l’umami. Questo gusto, ormai riconosciuto da diversi anni, è stato “scoperto” poco più di un secolo fa da un chimico di Tokyo (a questo è dovuto il nome “orientaleggiante”) che lo isolò da un brodo di alghe.

Umami letteralmente vuol dire “saporito”, ed è questa la sensazione che stimola ai nostri recettori sulla lingua. Questo tipo di gusto è spesso identificato con il sapore della salsa di soia, ma lo troviamo spessissimo in alimenti made in Italy come il Parmigiano.

 

 

Oltre a rallegrare le papille gustative, l’umami può far pure bene alla salute: pare infatti che possa favorire scelte alimentari più sane, stando a una ricerca pubblicata di recente su Neuropsychopharmacology. Un alimento molto umami come il brodo, infatti, ridurrebbe l’appetito in generale e modificherebbe l’attività cerebrale tanto da far portare in tavola cibi meno grassi: lo ha scoperto Miguel Alonso del Centro per gli Studi in Medicina della Nutrizione del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, studiando che cosa succede nella testa (e nella dieta) di alcune volontarie sottoposte a un pasto molto umami, una tazza di brodo appunto.

 

A cosa è dovuto questo sapore (per molti) irresistibile?

Semplice, al glutammato. Questa molecola è la responsabile del gusto tanto succulento, un aminoacido non essenziale che si trova in moltissimi cibi e dona loro una caratteristica sapidità.

Oltre al parmigiano ed alla salsa di soia già citati, sono molto “umami” pietanze come: alghe, cibi stagionati o fermentati (i crauti per esempio) ma pure vegetali come pomodori, funghi, mais, olive o asparagi; tutti i cibi proteici poi, dalla carne ai latticini, contengono glutammato e sono più o meno umami. Il brodo di carne è un esempio classico, anche perché il tipico dado da brodo altro non è che glutammato monosodico, un sale di glutammato.

 

È vero che riduce la fame?

Il dottor Alonso è entrato anche nello specifico della caratteristica “saziante” di questo gusto: «Mangiare cibi umami aiuta a ridurre l’appetito. Tanti hanno indagato che cosa accade nel cervello esposto al dolce o al salato, si sa invece ancora poco dell’umami: abbiamo valutato effetti immediati e solo in test di laboratorio, ma se questi risultati saranno confermati potrebbe essere opportuno suggerire a chi lotta con i chili di troppo di iniziare il pasto con una tazza di brodo, per mangiare poi un po’ di meno e scegliere cibi più sani. In Giappone o Corea del Sud, Paesi con un’elevata aspettativa di vita, il consumo di alimenti sapidi è molto diffuso: l’introito di zuccheri è molto più basso rispetto all’Occidente, invece è elevato l’apporto di glutammato».

Come per tutti gli alimenti però il troppo storpia, ed anche in questo caso, un eccessivo utilizzo di questo alimento potrebbe portare a problematiche. L’eccesso può provocare mal di testa o picchi di pressione, così nel 2017 l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha stabilito una soglia di sicurezza giornaliera da non oltrepassare per glutammato e derivati, pari a 30 milligrammi per chilo di peso.

Insomma godetevi questo gusto con maggior consapevolezza.

E’ l’organo che utilizziamo più di tutti, quello che ci contraddistingue maggiormente, uno dei più sensibili, uno dei più utili, uno dei più estesi sul nostro corpo, insomma chi più ne ha più ne metta. Il cuore? Naaa. Il cervello? Naaa. Fegato? Neanche. La pelle! Scopri quali sono le 10 curiosità che (forse) non conosci su questo incredibile organo grazie ad una classifica stilata da da Bild Zeitung nella giornata dedicata dall’Organizzazione mondiale della sanità alla lotta contro la psoriasi.

1 ) L’organo più grande

La pelle di un adulto misura circa 2 metri quadrati, e pesa fino a 14 chilogrammi, dimensioni che la rendono per distacco l’organo più esteso del nostro corpo. La pelle inoltre può dire di noi tantissimo: si possono intuire l’età, la provenienza, alimentazione e molto altro.

2) Miliardi di esseri viventi

Sulla pelle esistono miliardi di microorganismi (secondo alcune stime circa 100 mila miliardi), che vivono in simbiosi con il nostro corpo. Pensate che solo intorno all’ombelico ci sono 2400 diversi tipi di batteri.

3) Muta come per i serpenti (o quasi)

Nuove cellule della pelle sono generate in continuazione, così velocemente che ogni 28 anni ogni essere umano ottiene praticamente una nuova pelle.  Adesso tenetevi forte ma…la metà della polvere presente negli appartamenti è composta da pelle morte, che rimane in circolazione nell’aria in quantità ben più grandi.

4) Mantello biologico

La nostra autodifesa verso i microorganismi che ploriferano sulla pelle inizia sin dalla nascita. Appena etratti del ventre materno, la pelle fino a quel momento rimasta in uno spazio completamente asettico viene sottoposta ad un vero e proprio bagno batterico. Questo “mantello biologico” influenza in modo rilevante il nostro sistema immunitario, tanto che si nota come i bambini nati col parto cesareo siano più spesso soggetti a sviluppare malattie come le allergie, l’asma o autoimmuni.

5) Abbiamo una pelle sottilissima

Rispetto agli altri animali la pelle degli uomini è particolarmente fine, oscillando tra gli 0,04 millimetri e i 4 millimetri. Basti pensare a quella dei rinoceronti ad esempio, che può arrivare fino a cinque centimetri, ma il guiness world record se lo aggiudica lo squalo balena, con una pelle spessa ben 15 centrimetri. L’infermiere che dovrà fargli un prelievo, potrebbe avere dei problemi insomma, per diversi motivi.

6) Siamo stati tutti neri

Come tutti ormai ben sappiamo la specie umana deriva dal continente africano, anche se all’epoca non poteva ancora definirsi tale, visti gli ovvi cambiamenti geografici e geologici avvenuti in queste centinaia di migliaia di anni. Il chiarimento dei pigmenti si è verificato (solo) tra 20 e 50 mila anni fa quando le migrazioni hanno portato i primi uomini a stabilirsi nelle zone più fredde a nord. Fino a 5.000 anni fa infatti gli europei avevano una pelle ancora molto più chiara della pigmentazione odierna.

7) Specchio del cervello

Diverse malattie della pelle, come la neurodermite o la psoriasi, sono favoriti da disturbi psichici. Le ricerche scientifiche si stanno concentrando su questo legame, e finora è emerso il rilevante ruolo giocato dai semiochimici, i composti come i feromoni che regolano le interazioni tra organismi viventi.

8) Il pericolo psoriasi 

Pur non essendo “famosa” come altre malattie, la psoriasi è tra le cinque malattie non contagiose più diffuse al mondo, secondo quanto riportato dall’ OMS (Organizzazione mondiale della sanità). Nella top five sono presenti infatti: cancro, diabete, disturbi cardiovascolari e malattie alle vie respiratorie. Soffrono di psoriasi, secondo i dati ufficiali, circa 125 milioni di persone a livello globale.

9) Termometro naturale

La pelle funziona come difesa dal caldo e dal freddo per il corpo umano, un compito svolto grazie a circa 250 mila termorecettori che reagiscono alla temperatura esterna. Questi sensori si trovano nelle cellule nervose della pelle, e sono particolarmente concentrate su orecchia, naso e mento. Per questo motivo il nostro corpo si “congela” più rapidamente in queste parti quando fa freddo.

10) Sudore a litri

Il nostro corpo, come qualsiasi altro elemento in natura, tenda allo status quo, ed ha trovare un certo equilibrio anche nelle temperature. Uno dei maggiori incaricati di “sorvegliare” questi valori è il sudore, che con le temperature alte viene utilizzato cospicuamente per abbassarle. Il nostro corpo può arrivare ad espellere fino a 10 litri in un giorno in condizioni di alte temperature, grazie all’attivazione delle ghiandole sudoripare.

Sono tantissime le leggende metropolitane che persistono nella nostra cultura. Da quelle a carattere storico, a quelli di cronaca, o ancora credenze pseudo-scientifiche che hanno davvero poca relazione con la realtà dei fatti. Molte credenze tramandate da rimedi della nonna un pò troppo casalinghi e falsi esperti che spesso possono anche danneggiare la nostra salute. Oggi ci divertiremo e smentire 10 credenze comuni sulla salute, che (probabilmente) non avresti mai messo in dubbio!

1) La birra mi fa crescere la pancia?

No, o perlomeno non proprio. In realtà una birra non ha mai fatto ingrassare eccessivamente nessuno. Non è la birra che fa ingrassare, ma il fatto che, essendo la quantità d’alcol che contiene in genere ridotta (110 calorie al litro contro le 160 del vino rosso), si tenda a berne in grandi quantità. Chi beve spesso birra tende, inoltre, anche ad accompagnarla con snack poco salutari: ecco spiegati i chili in più dei bevitori. Il mito è nato dalla non sempre ottima forma dei tedeschi, noti bevitori di birra, al quale grande utilizzo si attribuiva l’aumento di circonferenza della vita, ma in realtà oggi sappiamo che i giapponesi sono almeno altrettanto amanti di questa deliziosa bevanda al luppolo, pur mantenendo in molti un’ottima forma. Insomma una birra non fa ingrassare, ma comunque meglio non esagerare.

2) Sta troppo vicino alla TV danneggia gli occhi?

Quante volte ve lo hanno detto le vostre mamme quando eravate piccoli? Ebbene, almenochè non siate nati prima degli anni ’50 sappiate che allontanarsi dalla tv, per i vostri occhi, non è stato granchè utile. Le televisioni a tubo catodico effettivamente potevano emettere radiazioni che potevano danneggiare la vista, ma le televisioni moderne non danno nessun problema del genere. Attenzione però…guardare la TV da troppo vicino e troppo a lungo può causare però stanchezza visiva.

3) Posso fare il bagno con le mestruazioni? 

Proibizioni e inibizioni come non fare il bagno, non lavarsi i capelli e persino non fare il bucato hanno accompagnato il ciclo mestruale fin dall’antichità. Queste superstizioni non hanno nulla di scientifico: dedicarsi ad attività rilassanti o fare del movimento durante il ciclo aiuta a contrastare gli sbalzi di umore e il malessere dovuto al flusso, oltre a favorire una corretta igiene. Basta premunirsi di non bagnarsi con acqua troppo fredda.

4) Scrocchiare le dita fa venire l’artrite?

Lo schiocco è provocato dall’esplosione delle bollicine d’aria che si formano nel fluido sinoviale, che ha lo scopo di nutrire i tessuti e lubrificare le giunzioni articolari. Ci sono stati diversi studi per capire se questo tipo di attività possa influire su di una futura artrite e la risposta è no! Schioccare le dita non fa né bene, né male.

5) Una mela al giorno toglie il medico di torno?

Le mele contengono fibre e vitamina C, entrambi essenziali per la nostra salute. Nonostante questo però, non può dirsi certo un alimento che ci fornisca uno scudo completo ed adeguato contro qualsiasi malattia. Le mele, come molti altri frutti, sono sicuramente fondamentali nella nostra alimentazione, ed all’interno della nostra dieta, assieme ad altri alimenti correttamente assunti come verdure, pesce e carni possono sicuramente preservarci da un bel pò di visite.

6) Se esco con il freddo mi ammalo?

No, anzi, per assurdo è restare in casa che aumenta il rischio di ammalarsi. Con il freddo tendiamo a passare più tempo al chiuso, dove l’aria è spesso troppo secca e la ventilazione scarsa, un’abitudine che favorisce la trasmissione di virus e batteri. È pur vero che le basse temperature riducono le riserve di muco che di norma proteggono le vie respiratorie dai patogeni, lasciandoci più esposti alle infezioni. Ma non è certo il freddo in se per se il responsabile principale dei nostri malanni.

7) Mangiare cioccolato fa venire i brufoli?

No, il cioccolato non fa venire i brufoli, diciamo forte e chiaro. Aspettate però a spatolarvi il barattolo di nutella della credenza in 5 secondi. Specifichiamo che la presenza di brufoli è determinata soprattutto dagli ormoni, perciò dipende dalla predisposizione e dall’età. Vero invece è che un eccesso di cibi fritti e dolci fa male alla pelle.

8) Lo zucchero rende i bambini iperattivi?

Numerosi studi scientifici sono stati messi in campo per verificare questa diffusa teoria, ma non sono state trovate evidenze che la confermino (anche se dosi eccessive di zucchero fanno male alla salute di grandi e piccoli, e incoraggiano obesità, diabete e carie). L’associazione è nata nel 1974, con una lettera di un medico statunitense, William Crook, alla American Academy of Pediatrics, in cui si denunciava il presunto legame. Ma una lettera non ha la stessa validità scientifica di un articolo pubblicato su una rivista in peer review.

9) Lo zucchero di canna è più salutare di quello bianco?

Siete anche voi di quelli che se non hanno il proprio zucchero di canna il caffè proprio non lo bevono? Beh, sappiate che lo zucchero di canna non è nè più salutare, ne più magro di quello bianco. L’unica differenza è che mentre lo zucchero bianco contiene solo saccarosio, quello bruno contiene anche qualche residuo di melassa (tra l’1% e il 5% a seconda dei tipi di zucchero grezzo in commercio), che gli dà un aroma un po’ diverso. Nella melassa sono presenti, in quantità molto basse, minerali e vitamine; ma le dosi giornaliere di zucchero che assumiamo, o dovremmo assumere, sono troppo basse perché queste abbiano un qualche beneficio.

10) Gli spinaci fanno diventare più forti?

No, o perlomeno, non più di molte altre verdure in circolazione. Il falso mito nacque nel 1890, quando alcuni nutrizionisti americani resero noto il contenuto di ferro delle verdure. Per un banale errore di stampa – una virgola al posto sbagliato – si attribuì agli spinaci un contenuto di ferro 10 volte superiore al reale. L’errore fu scoperto dopo decenni, ma nel frattempo Braccio di Ferro e il suo cibo preferito avevano conquistato il mondo.

 

Sesso, droga, rock n roll e..?

Sesso, droga e rock n roll. L’adagio più famoso accostato al mondo della musica trasgressiva, ha sempre funzionato, anche perchè spesso suffragato da fatti reali che ne provano l’effettività. Queste tre semplici parole vennero usate per la prima volta insieme negli ultimi anni 60, ma fu nel 77 che ebbero un incredibile consacrazione, quando il musicista britannico Ian Dury pubblicò il brano dall’omonimo titolo, ad oggi il suo singolo più famoso. Qualche anno dopo però nell’immaginario di alcuni se ne aggiunse una quarta, molto meno divertente, l’HIV. Era la fine degli anni 80 e quando un emaciato e magrissimo Rock Hudson apparve alla televisione annunciando di aver preso la malattia, l’ex idolo delle donne ai tempi del cinema anni 50 e 60, un “vero macho” come si era proposto per decenni, ammise anche di essere omosessuale. Cominciò così a venire a galla “la peste” del XX secolo che in poco tempo avrebbe mietuto migliaia di vite. Più che la malattia dei gay come in un primo tempo si era additato, era la malattia del sesso libero, perché avrebbe colpito anche gli etero, tutti coloro che avevano rapporti con molteplici persone diverse. Era l’eredità della liberazione sessuale predicata e applicata dagli anni 70.

A lungo Mercury aveva tenuto nascosta la sua omosessualità, era stato anche sposato con una donna, Mary Austin, che gli rimase accanto anche quando frequentava altri uomini: «Nonostante la sua omosessualità, Freddie la definiva l’amore della sua vita, erano molto in sintonia». A lei lasciò in eredità la sua villa di Londra e molti dei suoi soldi. «Era un uomo pieno di contraddizioni, estroverso e timido, travolgente e sensibile. Prima ancora di cominciare si era costruito un’immagine piena di colori e sicurezza. Era già una rockstar prima ancora di incidere un disco. Era come un pavone: riusciva a tradurre in realtà la sua fantasia» racconta ancora May. Chi era davvero Freddie Mercury, oltre a essere stato uno dei più dotati cantanti della storia del rock? Per May «Forse tutti noi musicisti dentro siamo fragili. Giriamo il mondo con la chitarra per compensare». Gli rimane un unico rimpianto: se fosse sopravvissuto ancora un pò, dice, forse si sarebbe salvato per via delle nuove cure.

Ma oggi l’HIV può dirsi davvero debellato?

Oggi in Italia sono in terapia più di 100mila pazienti con HIV. Secondo l’ultimo bollettino del Centro Operativo AIDS dell’Istituto Superiore di Sanità i cui dati si riferiscono al 2016, poco meno di 4000 sono le nuove diagnosi di infezione che vengono fatte ogni anno, con una incidenza di circa 5,7 su 100mila abitanti“Un elemento, quest’ultimo, da non sottovalutare – spiega il Prof. Massimo Andreoni – perché equivale a un grosso fallimento: non siamo stati in grado di interrompere la trasmissione di questa malattia”Le fasce d’età più a rischio sono quelle più giovani, tra i 25 e i 29 anniNel 50% dei casi si tratta di maschi che fanno sesso con maschi; rimane costante, invece, il numero di donne con nuova diagnosi di HIV (30%). Nel 2016 sono state segnalate 796 nuove diagnosi di HIV in donne, delle quali 488 (61,3%) in donne straniere e 297 (38,7%) in donne italiane.

La modalità di contagio prevalente è quella sessuale, mentre la trasmissione tramite tossicodipendenza riguarda una quota minimale, pari a pochi punti percentuali. Si osserva, anche, un rilevante numero di stranieri con una nuova diagnosi di HIV. E’ stato stimato, inoltre, che il 40% delle persone alla prima diagnosi risulta essere inconsapevole di essersi esposta all’HIV. La trasmissione per uso iniettivo di sostanze, la trasmissione eterosessuale, l’essere residenti nel Nord Italia, il genere femminile, nonché l’età più avanzata sono risultati fattori di rischio associati alla inconsapevolezza del rischio di HIV.

Il primo passo per debellare la malattia, è come sempre, fare sesso protetto, check up regolari ed informarsi. Oggi salvarsi si può, ma la malattia deve essere scoperta in tempo utile. Chissà se Freddie Mercury fosse nato 10 anni più tardi, se oggi sarebbe ancora vivo e quanta meravigliosa musica ci avrebbe donato. Una cosa è certa, “Freddie” non si è mai vergognato di se stesso: nella vita privata era come quando era sul palco: l’icona di chi vuole godere fino in fondo della vita, anche fino alla morte.

Quanto posso bere al giorno senza nuocere alla mia salute?

Per rispondere a questa domanda prima di tutto bisogna fornire un accenno chimico della composizione degli alcolici che abitualmente ingeriamo. Le bevande alcoliche sono generalmente costituite per la maggior parte da acqua, e per la restante parte da alcol etilico (altresì detto etanolo), la restante minima parte è rappresentata da altre sostanze come composti aromatici, coloranti, vitamine ecc.

L’etanolo, che si trova in parte consistente negli alcolici, è una sostanza estranea al nostro organismo, ed in grosse quantità tossica. Il corpo umano è in grado di sopportare l’etanolo in piccole dosi, ma se queste crescono eccessivamente, non è più in grado di smaltirlo efficacemente.

Generalmente per misurare gli alcolici si usa l’unità di misura “UA” (Unità alcolica appunto). Il limite è dato da massimo 2/3 Unità per un uomo adulto, 1/2 per una donna e non più di 1 per una persona anziana.

A quanto corrispondono queste unità alcoliche?

Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde a circa 12 grammi di etanolo; una tale quantità è contenuta in un bicchiere piccolo (125 ml) di vino di media gradazione, o in una lattina di birra (330 ml) di media gradazione o in una dose da bar (40 ml) di superalcolico. L’equivalente calorico di un grammo di alcol è pari a 7 kcal.

Unità alcoliche per bevanda:

Vino da pasto (11 gradi, un bicchiere da 125ml): 1 U.A

Vino da pasto (13,5 gradi, un bicchiere da 125ml): 1,1 U.A

Birra (4,5 gradi, una lattina da 330ml): 1 U.A

Birra doppio malto (8 gradi, un boccale da 200ml): 1 U.A

Aperitivi alcolici (20 gradi, un bicchierino da 75ml): 1 U.A

Cognac, Grappa, Vodka (40 gradi, un bicchierinoda 40ml): 1,1 U.A

 

Fonte dati: www.fondazioneveronesi.it

Per tutti, arriva quel giorno nella vita in cui ti chiedi: “Ma è questa la mia strada?”

Seguire la nostra “vera vocazione” è un pensiero che si innesta in noi sin dal periodo adolescenziale, una vocina che ci ricorda che probabilmente non sta andando come vorremmo, spesso questa vocina la reprimiamo in un angolino della nostra psiche, spesse altre volte, questa vocina serve da catalizzatore per la realizzazione dei nostri obiettivi. Deve essere stata questa vocina che ha portato Jim Withers, dottore di Pittsburgh, a lasciare il comodo posto nel suo studio medico, per mettersi una tracolla sulla spalla con con medicinali e strumenti  essenziali ed andare in giro ad aiutare i senzatetto della città. 

Per il dottor Whiters era importante mettersi in gioco, trovare un obiettivo. Il suo era quello di sfruttare la sua laurea in medicina per aiutare chi alle cure mediche non avrebbe mai potuto accedere. In un sistema sanitario complicato come quello americano infatti, le cure spesso diventano un vero e proprio miraggio per le persone che non hanno un’adeguata copertura sanitaria. Neanche 30enne Whiters capì che fare qualcosa non era solo una scelta, per lui era un dovere. Un dolce obbligo che ha riempito la sua vita, pur non essendo facile all’inizio.
“Ero molto shockato dal numero di persone malate per le strade. Era come immergersi in un paese del terzo mondo” ha detto Withers. “Giovani, vecchi, persone con malattie mentali, donne in fuga dalle violenze domestiche, veterani. Ognuno ha la propria storia”.

Da  quel giorno di 26 anni fa, quattro notti a settimana gira per i quartieri della città per offrire il suo supporto a chi vive per strada. In questa avventura non è più solo però, i gesti d’amore sono contagiosi e da allora, sono decine i medici che si sono messi a disposizione per dargli una mano e girare con lui per i quartieri più poveri di Pittsburgh per aiutare chi ha bisogno.

E’ stata fondata anche la sua associazione, la prima di street medicine, termine coniato da dottor Jim. L’obiettivo è venire incontro a chi non ha una casa, non solamente con le cure mediche ma anche trovandola: adesso Operation Safety Net ha anche fondato un dormitorio, dando alloggio a più di 900 persone nella sola Pittsburgh. Ma non è tutto: in noventa paesi nel mondo sono stati gruppi di street medicine.

La fantastica storia del dottor Whiters ci ricorda ancora una volta, che non siamo mai troppo impegnati, stanchi o giustificati per fare qualcosa per il prossimo. In Italia il progetto Banca delle Visite sta facendo esattamente questo, avvicinare le persone in difficoltà economiche ai medici, e quindi alla salute. Già decine di italiani sono stati aiutati grazie alle donazioni di privati e medici che hanno offerto la propria professionalità pro bono. L’importante è accendere una miccia, poi il fuoco della solidarietà crescerà da sè.

Per maggiori informazioni sulla Banca delle Visite —> www.bancadellevisite.it

Le caratteristiche organolettiche di un olio sono importanti tanto quanto quelle chimiche per definire un olio extravergine e, tra questi, riconoscere quelli di qualità superiore. Per poter classificare un olio da un punto di vista merceologico, infatti, è obbligatorio far effettuare l’analisi sensoriale da parte di un gruppo di esperti certificato a livello ministeriale.

Amaro, piccante e fruttato sono i tre attributi positivi che possiamo riscontrare negli oli extravergini.

A seconda del punteggio, espresso in decimi, ottenuto nell’analisi sensoriale, ciascuno dei tre attributi può essere definito Intenso (maggiore di 6) Medio (tra 3 – 6) o leggero (<3).

Controllare l’etichetta dei prodotti può dunque aiutarci a capire per lo meno quale tipo di olio abbiamo di fronte e scegliere un prodotto di qualità. In particolare, i valori di fruttato devono essere obbligatoriamente maggiori di 0, pena il declassamento a olio lampante e, dunque, non adatto al consumo umano.

Amaro

Il sapore amaro è caratteristico dell’olio ottenuto da olive a diversi gradi di maturazione (sia verdi che viola-nere) correlata a particolari composti chimici appartenente alla classe dei polifenoli. Viene percepito soprattutto https://compreantibioticos.com/ nella zona centrale della lingua.

Piccante

Il piccante è una sensazione tattile di pizzicore, tipica di un olio ottenuto da olive verdi, percepita soprattutto nella gola. Anche il piccante è dovuto alla presenza di particolari polifenoli, presenti soprattutto nelle olive non del tutto mature.

Fruttato

Il fruttato deve essere riconoscibile sia all’olfatto che al gusto e racchiude tutte quelle sensazioni derivanti da olive sane e fresche, lavorate in tempi brevi per evitare che esse subiscano indesiderati fenomeni di fermentazione. Il fruttato può essere:

  • Verde: richiama frutti non del tutto maturi, ancora verdi per l’appunto e/o erba appena tagliata
  • Maturo: richiama frutti maturi, ormai passati dal colore verde al viola-nero intenso

Perché un olio amaro, piccante e fruttato è più salutare?

Un olio di qualità dovrebbe possedere tutti questi attributi positivi, perché sono indice di un prodotto ottenuto da frutti sani, con un processo produttivo in grado di preservare la vitamina E e i polifenoli presenti nelle olive, questi ultimi responsabili dei sapori amaro e piccante. Questi ultimi sono molto sensibili a luce e calore, pertanto è necessario adottare opportuni accorgimenti per preservarli al meglio durante la lavorazione e la conservazione dell’olio.

Vitamina E e polifenoli sono composti benefici per la salute in quanto potenti antiossidanti. Non solo sono in grado di prolungare la vita dell’olio, ma anche di proteggere il nostro organismo nei confronti dei danni ossidativi.

E’ tempo di vacanze e si sprecano le raccomandazioni per affrontare serenamente i viaggi per le destinazioni turistiche in totale sicurezza. Tra le più ovvie e frequenti, c’è quella di predisporre una piccola “farmacia in viaggio”, un kit di pronto soccorso per prevenire eventuali infortuni come scottature, contusioni, dermatiti, mal di gola, mal di tesa, insonnia, mal di denti, ecc.

Ovviamente prima di partire va controllato se nella meta del nostro viaggio ci sono problemi sanitari particolari o se sono obbligatorie o consigliate vaccinazioni specifiche. Sul sito della Farnasina ‘Viaggiare Sicuri’ (www.viaggiaresicuri.mae.aci.it) si possono trovare tutte le informazioni del caso. Per le vaccinazioni ci si può recare presso il centro vaccinazioni internazionali della Asl di competenza. Rincuora invece lo studio realizzato da Anifa (Associazione nazionale dell’industria farmaceutica dell’automedicazione), secondo cui quasi tutti gli italiani, per la precisione l’80%, non parte senza avere con sé un kit di medicinali essenziali.

Non serve mettere in valigia tanti medicinali per precauzione, ma è molto meglio portarne con sé pochi, adeguati però alle proprie esigenze e al Paese di destinazione. Buona norma, spiegano i farmacisti, è mettere sempre in valigia almeno del paracetamolo, del disinfettante, dei fermenti lattici e una pomata che possa alleviare le scottature. Ma la «check list dei farmaci» va completata con medicinali ad hoc, a seconda della destinazione. Nelle zone malariche o in viaggi nella Foresta Amazzonica, per esempio, può essere vitale un repellente anti-zanzare da spruzzare anche sui vestiti, che altrove sarebbe inutile. Se ci si avventura in escursioni di diverse ore in luoghi dove non c’è acqua, meglio prevedere, per chi deve assumere farmaci continuativi, una versione oro-solubile. In generale, sempre meglio portare con sè anche un disinfettante in salviette. Tra le regole d’oro del viaggiatore, infine, c’è quella di stipulare prima di partire una polizza di assicurazione sanitaria, che può offrire una copertura in caso di emergenza sanitaria in paesi dove l’assistenza medica ha costi molto elevati o dai quali è preferibile essere velocemente trasferiti o rimpatriati con vettori speciali. Chi ama roccia, attività subacquee, rafting, può pensare anche a una polizza infortuni.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità moltissime malattie potrebbero essere evitate grazie ad un’alimentazione equilibrata, sana e varia.

Uno degli alimenti che contribuisce al nostro benessere è sicuramente l’olio extravergine d’oliva perché è ricco di elementi preziosi per la nostra salute. Attenzione però, non bisogna superare le dosi giornaliere consigliate, di circa 20g al giorno e cioè 2 o 3 cucchiai al dì.

L’olio extravergine infatti, come tutti gli oli, è composto al 99,9% da grassi ma, per via del maggior contenuto in acido oleico, risulta essere l’olio più digeribile. Nonostante questo rimane un alimento calorico, in un solo cucchiaio ci sono 89.9 Kcal. Ma non è vero che fa ingrassare, anzi, se si seguono le dosi consigliate aumenta il senso di sazietà, rende più buone le verdure con fibre e abbassa l’indice glicemico di un pasto. Inoltre, sfatiamo il mito che se consumato a crudo è più dietetico ma, si preservano semplicemente le preziose molecole che lo compongono.

Acido oleico, polifenoli e vitamina E sono le principali sostanze responsabili dei benefici dell’olio extravergine di oliva:

  • L’acido oleico protegge la salute delle cellule che si trovano nel pancreas molto importanti per il controllo del diabete;
  • I polifenoli e la vitamina E sono ottimi antiossidanti e anti-infiammatori;
  • L’ acido oleico interferisce positivamente sul metabolismo del colesterolo; fa in modo che non ci siano troppe variazioni dei livelli del colesterolo nell’organismo;
  • I polifenoli aumentano la quantità di colesterolo buono;
  • i polifenoli, l’acido oleico e lo squalene (prezioso antiossidante dell’olio) prevengono e combattono alcuni tumori;
  • Gli acidi grassi monoinsaturi e alcune molecole polifenoliche e pigmenti che dell’olio extravergine di oliva agiscono per prevenire l’osteoporosi;
  • I polifenoli contribuiscono a proteggere l’intestino;
  • Per i bambini è ancora più prezioso perchè nei primi anni di vita Il fabbisogno calorico di grassi è più elevato. Inoltre l’olio evo è l’unica fonte discreta di omega-3 prima dell’introduzione del pesce

Basti pensare che l’EFSA ha approvato un “claim sulla salute” da apporre sul prodotto, con il quale si riconosce l’effetto positivo di alcuni composti polifenolici. Ma attenzione le preziose molecole e quindi tutte le importanti proprietà sopra elencate si hanno solo se l’olio extravergine è di eccellente qualità e cioè ad esempio se dalle analisi sensoriali si evince che è fruttato, amaro e piccante, se dalle analisi chimiche risulta avere un elevato contenuto di polifenoli, una bassa acidità e un basso numero di perossidi, se è estratto a freddo, ecc…

Purtroppo per legge il produttore non è obbligato a riportare queste informazioni, quindi il consumatore si trova spesso a dover scegliere non sulla base della qualità dei prodotti in commercio ma basandosi su altri fattori come pubblicità, passa parola, ecc…

Sarebbe sempre opportuno conoscere i parametri sensoriali e chimici, prima di scegliere quale olio extravergine comprare e per farlo, ad esempio, si possono consultare le classifiche degli oli extravergine di oliva, create dagli esperti di Wikonsumer.org