Cosa pensano i cittadini delle strutture sanitarie italiane? E come comunicano agli utenti Asl e ospedali? Di questo complesso rapporto tra comunicazione e salute, si è parlato in un panel coordinato da Luca De Biase, giornalista del Sole 24 Ore, nel corso dell’ultimo Festival Internazionale del Giornalismo, conclusosi la scorsa settimana a Perugia. La sociologa Lella Mazzoli, direttore dell’Istituto per la formazione al giornalismo dell’Università di Urbino, ha presentato i dati della ricerca #eHealth: comunicazione e tecnologia per la salute del cittadino connesso, in cui emerge un digital divide spaventoso. In Italia infatti solo due regioni, Lombardia ed Emilia Romagna, hanno finora attivato il fascicolo sanitario elettronico, ovvero una tessera magnetica che contiene tutti i dati di salute del cittadino. Le app e i social network oggi sono strumenti importanti per permettere al cittadino di avere un proprio vantaggio di salute.

Continua a leggere