Il rapporto medico-paziente è per definizione  “asimmetrico”, cioè completamente sbilanciato a favore del medico, prontuario vivente di risposte somministrate ad un paziente assoggettato alla sua volontà, a cui richiedere un totale “atto di fede“.   Continua a leggere